sabato 11 ottobre 2014

Il card. Schoenborn: "io, figlio di divorziati, ho sofferto per quella separazione"

“Anche i miei genitori hanno divorziato, il momento più triste della mia vita è stato quando ho appreso della loro separazione, avevo 13 anni, credo che la Chiesa debba prestare grande attenzione alla condizione dei figli dei divorziati e anche dei coniugi che rimangono soli dopo la fine di un matrimonio”. Dunque l'accesso alla comunione per i divorziati risposati passa attraverso un cammino penitenziale e di riconciliazione che le persone, in coscienza e davanti a Dio, devono compiere, mentre la Chiesa deve essere capace di accompagnarlo. A parlare così, nel sinodo sulla famiglia in corso in Vaticano, è un o dei più autorevoli cardinali della Chiesa chiesa cattolica, l'arcivescovo id Vienna Christoph Schoenborn,69 anni, teologo di fama proveniente da un'antica e nobile famiglia tedesca.



Eminenza, come sta procedendo il sinodo?
Ho detto al sinodo che abbiamo bisogno di uno sguardo più ampio sulle cose: perché fino adesso abbiamo ragionato come fossimo in una galleria, si vedeva solo il problema dei divorziati risposati ma non si vedeva il problema della famiglia; al contrario ogni coppia che divorzia normalmente ha figli, genitori, forse ancora la nonna, fratelli e sorelle, zii. Un divorzio non tocca mai solo due persone, tocca sempre una rete sociale che è la famiglia nel suo insieme. E ciò che mi manca gravemente nelle discussioni attuali è questo sguardo d'insieme sulla famiglia.
Eppure il tema della comunione ai divorziati risposati è una questione dibattuta...
Parlare di comunione ai divorziati risposati, senza lo sguardo sulla famiglia è drammaticamente unilaterale, anche questo infatti è un tema che tocca la comunità. Perché si vive in una rete famigliare, la famiglia della comunità cristiana. E dunque la mia proposta è: prima di arrivare a delle decisioni pratiche immediate - se si possa o meno accedere alla comunione - bisogna porre alcune domande, quasi come in un cammino penitenziale o, diciamo, di attenzione. E la prima 'attenzione' deve essere verso i figli perché se i genitori divorziano i figli sono divisi tra madre e padre e forse tra una nuova unione dell'uno e dell'altro. E la mia domanda ai genitori che fanno un cammino di conversione e di penitenza, è sempre: avete fatto portare il peso del vostro conflitto matrimoniale sulle spalle dei vostri figli? Perché non li avete lasciati fuori se già soffrono del fatto che il vostro amore ha fallito?
Oltre ai figli quali altri elementi vede in questo percorso?
La seconda attenzione che chiedo in questo cammino di penitenza è per lo sposo che rimane solo dopo il divorzio. Nelle nostre grandi città abbiamo migliaia e migliaia di 'vedovi' e 'vedove' di divorzio rimasti soli perché sono stati abbandonati. Quelli che hanno una nuova relazione già hanno un partner, umanamente si trovano in una situazione già più confortevole. Ma chi rimane solo? La Chiesa deve avere attenzione per la gente che soffre. Il Papa ci ricorda l'attenzione ai poveri. I poveri della nostra società sono i figli dei divorziati e le persone che rimangono sole.
Si deve andare insomma oltre i due coniugi risposati...
In effetti un terzo aspetto che manca del tutto dalle nostre discussioni è il seguente: avete contratto una nuova unione, un secondo matrimonio. Ma che cosa è diventata la storia della colpa del primo matrimonio? c'è stato almeno un tentativo di riconciliazione? Forse è impossibile che ritornino insieme, ma almeno che non ci sia odio, rabbia nel cuore, dell'uno e dell'altra. Come volete chiedere la comunione se avete nel cuore tutto il rancore che avete vissuto nel matrimonio? Dunque c'è tutto un cammino di riconciliazione almeno fin quanto possibile, da fare.
Ci sono anche quelli che però non divorziano
Sì c'è un'altra attenzione in questo senso. Abbiamo nelle nostre comunità cristiane coppie che mantengono la fedeltà a volte a gran pezzo, ma dicono: noi abbiano promesso la fedeltà l'uno all'altro fino alla morte, e anche se arrivano momenti duri restiamo fedeli alle nostre promesse. Che incoraggiamento dà la Chiesa a queste coppie se tutta l'attenzione viene data solo ai divorziati risposati? Bisogna tenere in conto queste coppie a volte eroiche che danno l'esempio di una fedeltà contro i venti e le maree.

Quest'articolo è stato pubblicato sul Secolo XIX

Francesco Peloso

5 commenti:

  1. Avete bisogno di un prestito ... ..?

    Come mettersi in contatto con il signor Lawson Smith, prestatori di fondi privati, così come la gestione della proprietà. Ecco che arriva la buona offerta di prestito per tutti coloro che hanno bisogno di assistenza finanziaria a basso tasso di interesse del 3%. Con un miglioramento di credito della Croce Rossa, si può dire addio a tutto il suo crisi finanziaria e le difficoltà. Diamo prestiti per qualsiasi importo. Stiamo combattendo la crisi finanziaria e fare spazio per un futuro luminoso nella nostra società, come facciamo il nostro business Se siete interessati, è necessario specificare il vostro interesse, e noi dobbiamo aiutare a garantire il vostro prestito.

    Applicare con informazioni dettagliate.

    1. Il tuo nome:
    2 quantità necessaria:
    3. Il tuo paese:
    4. Durata di prestito:
    5. Il tuo indirizzo:
    6. Telefono:
    7. Reddito mensile:
    8. ID VALIDO:

    (Nazionali o internazionali)

    Persona di contatto: Mr. Lawson Smith
    E-mail: lawsonsmithloan@gmail.com

    RispondiElimina
  2. Avete bisogno di un prestito? Vuoi essere finanziariamente stabile? O se si vuole espandere la vostra attività? Offriamo prestito impresa, prestito auto, prestito d'affari, prestito personale e prestito di Natale? diamo fuori prestito a un tasso di interesse molto basso di 2% comfort duraturo, che è negoziabile. Questa offerta è aperta a tutti, Vi preghiamo di contattarci tramite la nostra e-mail all'indirizzo (sanchezloanfirm@gmail.com)

    RispondiElimina
  3. Per tutte le vostre domande di prestito, non esitate a me contattate. Sono pronto a concedervi un prestito che va da 5.000 a 2.000.000 €. Lo contattate per ulteriori informazioni.
    agnesschwabb@gmail.com

    RispondiElimina

  4. Per aiutare le persone in difficoltà finanziarie, metto a vostra disposizione prestiti di denaro a breve e lungo termine con un tasso d'interesse annuale che vi faciliterà la vita. Posso farvi un prestito da partire da 3.000 a 2.000.000€. Contattate per ulteriori informazioni.
    agnesschwabb@gmail.com

    RispondiElimina


  5. Metto a disposizione di tutte le borse un prestito che va da 3.000 a 2.000.000 € con un tasso d'interesse annuale eccezionale del 3%. Che siate studenti, imprenditore o disoccupato. Potete avere il vostro prestito presso me senza alcuno problema. Non esitate a contattarlo per ulteriori informazioni.
    agnesschwabb@gmail.com

    RispondiElimina